home
reportage
articoli
progetti
biografia
award
il blog

Annalisa Monfreda - reporter

 

reportage > Francia, febbraio 2005





 


Anno XVIII - n.135

La dolce vite
Viaggio tra le vigne in città

Domani, come ogni giorno, la sveglia suonerà alle cinque. Gérard indosserà la tuta da lavoro e alle sei in punto salirà sulla Rer, il treno metropolitano che in un'ora e un quarto lo porterà dal dipartimento di Essonne fin dentro Parigi, nel quartiere di Belleville. Attraverserà i viali fioriti del parco fino a raggiungerne la cima: sei metri più su di Montmartre. Il punto più alto di Parigi. Qui aprirà i cancelli di un piccolo recinto e munito di forbici comincerà la delicata potatura della vigna. Bambini con la cartella, professionisti con la valigia, pensionati con il carrello della spesa: tutto il popolo del quartiere sfilerà davanti ai suoi occhi. Se alzerà lo sguardo, Parigi sarà ai suoi piedi. I palazzoni di Belleville a pochi passi. La Tour Eiffel in lontananza. Come lui, in questo momento, forse anche Bruno a Montmartre e Jean Pierre nel parco Georges Brassens stanno studiando il taglio giusto da dare ai ceppi. I vignaioli di Parigi, al freddo di un gennaio cittadino, sono tutti all'opera. La cuvée del prossimo anno dipende anche da questa operazione. Ma com'è un vino nato all'ombra dei grattacieli di Belleville? "Buono", non può che rispondere Gérard, 55 anni, la pelle consumata da una vita all'aria aperta. […]